Tutti gli articoli di federicogaudenzi

I progetti prendono il volo

Una conferenza stampa operativa, per parlare di dati e progetti. Venerdì mattina, Cupi ha illustrato alla stampa il primo calendario di eventi e servizi pensato per i prossimi mesi: “Un calendario in continua evoluzione, visto che stiamo continuamente studiando nuovi progetti da aggiungere, o perfezionando e ampliando quelli esistenti” ha commentato il vicepresidente Simone Carinelli.

Il presidente Paolo Cacciato, quindi, ha illustrato le tre sezioni che contraddistinguono il lavoro di Cupi: formazione, marketing e cultura.

I progetti trovano poi adeguato approfondimento sul nostro sito. Si parte già il 4 giugno con il seminario sulla cultura ed economia coreana, che servirà come introduzione all’evento milanese del 5 giugno, in cui si festeggia il 130esimo anniversario dell’apertura delle relazioni commerciali tra Italia e Corea. “Il 5 giugno, a Milano, ci sarà occasione di conoscere da vicino la realtà coreana: noi di Cupi parteciperemo, e questo seminario della vigilia consentirà anche alle imprese che vogliono aderire di arrivare preparate”.

il pomeriggio di formazione si terrà presso Camera di Commercio di Lodi – Sala Consiglio e la registrazione è fissata per il 4 giugno alle ore 14.00 / 14.15 ca. con inizio ufficiale alle 14.30

Il corso di introduzione al sistema economico commerciale è denominato

“Discovering Korea – introduzione al business model coreano”

e viene offerto gratuitamente alle imprese, professionisti e operatori del territorio e consolidato in collaborazione con Asian Studies Group e prevede per i tesserati CUPI la possibilità di ricevere attestato di partecipazione e di qualifica al percorso intrapreso. Il progetto è patrocinato da Camera di Commercio di Lodi con coinvolgimento della sezione Internazionalizzazione della camera e il Patrocinio del Comune di Lodi.

L’occasione sarà terreno di networking funzionale ad accogliere la prospettiva di un tavolo di lavoro operativo che coinvolga e prepari gli operatori del territorio all’accoglienza e valorizzazione di relazioni commerciali con il mercato coreano.  CUPI partecipa inoltre al business forum del 5 giugno presso Palazzo Clerici e supporta attivamente e gratuitamente gli operatori del proprio network nel percorso di matching e confronto con il mercato coreano.

Subito dopo, il 6 giugno, parte il corso “English 4 Expo”: un corso di inglese con insegnanti madrelingua americani, che consentirà ai partecipanti di avere una migliore conoscenza dell’inglese, elemento imprescindibile per guardare all’estero. Anche questo servizio viene offerto gratuitamente per 26 ore di durata a tutti i tesserati CUPI.

Al di là dei progetti, la conferenza stampa è servita per ribadire il ruolo di Cupi anche nei confronti dell’amministrazione comunale di Lodi. Era infatti presente l’assessore Simone Piacentini, che ha dimostrato interesse per l’associazione: “Spesso si dice che questa è una città chiusa. La nascita di Cupi, invece, è segno del fatto che c’è la volontà di muoversi e guardare le cose da una prospettiva più ampia. Non posso che dirmi entusiasta di questa nuova associazione, e augurare che possa contribuire a migliorare il tessuto della città” ha detto.

Cupi, per sua vocazione, nasce come indipendente da qualsiasi ente pubblico e da qualsiasi partito ma il fatto che un rappresentante dell’ente locale abbia espresso il proprio sostegno, è segno che già qualcosa si sta muovendo in ottica propositiva e sostanziale.

Con la conferenza stampa, quindi, parte ufficialmente una campagna di tesseramento che vuole coinvolgere le imprese, le associazioni, i professionisti, e chi ha intenzione di portare il proprio contributo nell’ottica di una apertura del territorio a orizzonti più ampi.

Per aderire alla nostra campagna tesseramenti è possibile sottoporre la propria candidatura al presente link e compilando apposito form 

Annunci

LODI 2015: living Expo. ECCO LA PROPOSTA DI CUPI

Mentre le istituzioni creano la cornice per il grande evento del 2015, noi ci stiamo muovendo per promuovere progetti concreti che siano di aiuto alle realtà produttive del territorio.
CUPI PROPOSTA
Presenteremo tutto in modo dettagliato nelle prossime settimane, anche attraverso una conferenza stampa.
Nel frattempo, ecco alcune linee guida per capire i quattro punti su cui stiamo lavorando. 
FORMAZIONE:
Rapportarsi con soggetti internazionali, innanzitutto, significa parlare la loro lingua.  Per questo, stiamo organizzando programmi accelerati di lingua inglese, dedicati agli operatori economici, ai professionisti, agli esercenti e alle associazioni di categoria.
Questa la base per ogni tipo di contatto, di affare, di relazione internazionale, sia per l’Expo 2015, sia per proiettarsi verso una visione globale che non può che arricchire il territorio.
Lo staff che seguirà questi corsi, ovviamente, è composto da professionisti madrelingua statunitensi.
 CONSULENZA:
Creare una rete di impresa, dalla sera alla mattina, non è facile. Eppure il network è il punto fondamentale anche per accedere ai bandi presentati da Regione e Camera di commercio.
Cupi intende offrire consulenza proprio per la creazione di contratti di rete, che possano offrire maggiore visibilità alle imprese e ai loro prodotti.
 MARKETING:
La rete di imprese diventa il punto di partenza di una promozione commerciale per cui Cupi si sta dando da fare creando contatti oltre frontiera.
Stiamo creando un programma di introduzione multilingue per gli operatori che vogliono promuovere la propria attività nell’anno dell’Expo, con una presentazione della loro agenda di servizi e progettualità.
CULTURA:
Cupi non sottovaluta l’aspetto culturale come mezzo di promozione del territorio.
Il nostro primo progetto, il concorso internazionale Switch on your creativity, ha già ricevuto il patrocinio di Milano EXPO 2015, e presto farà scalo a Lodi, avendo come organizzatore un’associazione lodigiana.
Cupi, ora, è in Korea, dove sta lavorando su altri contatti utili per lanciare l’edizione 2.0 del concorso.
Nel frattempo, stiamo lavorando su altri progetti di promozione culturale, che coinvolgeranno in primis le scuole, e che porteranno gli studenti lodigiani a rapportarsi con i loro coetanei del resto del mondo sul tema dello sviluppo e dell’alimentazione sostenibile.

LODI2015 – living Expo: IL TERRITORIO NON SI RASSEGNA A FARE DA COMPARSA, MA VUOLE VIVERE L’EXPO DA PROTAGONISTA

DSC_0104

Marketing e sostegno per la messa in rete delle imprese e delle associazioni: ecco cosa ha promesso la Provincia di Lodi, ieri, al Parco Tecnologico, dove ha convocato un convegno per parlare di “Lodi2015-living Expo”. Nell’ottica del commissario straordinario Cristiano Devecchi, deve diventare un vero e proprio “fuori-Expo”.

Le oltre duecento persone presenti in sala hanno così ascoltato una lezione tenuta da Paolo Migliorini, responsabile Turismo ed eventi della Provincia, che ha parlato di come creare un pacchetto turistico in grado di attrarre persone sul territorio nei mesi di Expo.

Questo dà l’idea di come, nel Lodigiano, si stiano ancora costruendo le fondamenta, mentre a Milano e nel resto di Lombardia ormai si è giunti alle ultime rifiniture prima che i famosi 20 milioni di visitatori atterrino a Milano.
Anche noi di Cupi eravamo presenti per capire cosa potesse offrire l’adesione a Lodi2015, che vantaggi le imprese e le associazioni possano avere attraverso questo logo, se non il fatto di essere inserite in un calendario di eventi che per ora è solo un miraggio. “Un mio sogno”, come l’ha definito il commissario straordinario, che non ha mancato di ricordare la probabile soppressione dell’ente nei prossimi tre mesi.
Paola Esposti, segretario generale della Camera di commercio di Lodi, ha riproposto un bando in collaborazione con Regione Lombardia, per l’assegnazione di 300mila euro alle imprese in grado di mettersi in rete. Niente di nuovo: la proposta era già stata lanciata il mese scorso, e ancora non è stata stilata nella sua versione definitiva.

Poche certezze anche sul fronte Regione: il consigliere Pietro Foroni ha infatti chiamato in causa il governatore Maroni. “Per sua volontà, nella stesura del bilancio, stiamo ricavando un fondo importante per le imprese” ha spiegato Foroni, ma non ha messo sul piatto numeri o date precise.
L’unica data fissa è il 30 aprile. Entro quel giorno si dovranno consegnare in Provincia le schede correttamente compilate con una descrizione del progetto che si vuole presentare, e i finanziatori che la sostengono.

SCHEDA PROGETTO