Archivi tag: asian studies group

Prima missione imprenditoriale e professionale in Giappone in vigilia EXPO 2015

Si è tenuto ieri, giovedì 28 marzo a Kobe, presso la sede locale della Japan External Trade Organization un incontro ufficiale di presentazione dell’attività no profit svolta dalla nostra Associazione sul territorio lombardo.

Il coordinatore di Kobe per l’ ufficio governativo della JETRO, Shigeru Saito e il senior advisor per le aziende Shunji Kida hanno incontrato la presidenza C.U.P.I.  che ha introdotto il direttivo dell’associazione e le funzioni assegnate in delega ad ogni ambito di operazione.

Dall’incontro è emersa la piena possibilità di strutturare una business mission per le imprese aderenti  interessate a selezionare con accuratezza potenziali partners commerciali nell’area di Hyogo e Kansai (Osaka),  strategica nell’economia nazionale per qualità, potenziale produttivo e posizionamento logistico. Se Tokyo rappresenta il polo del terziario e finanziario del Giappone, Osaka accoglie i poli industriali dei maggiori gruppi giapponesi (soprattutto in ambito meccanico). La posizione di collegamento fra la capitale e il sud del Giappone rappresenta inoltre un elemento di traino per moltissime trading companies che operano in Kansai.

japan.kobe.lgIn particolar modo l’area di Kobe nella prefettura di Hyogo rappresenta una della zone a più alto potenziale d’acquisto nel rapporto spesa procapite e da sempre costituisce una delle zone più sensibili per importazione di prodotti made in Europe sia in ambito enogastronomico che in ambito fashion e design: Kobe non solo ospita uno dei porti più dinamici della regione sul fronte ovest dell’honshu, possiede un aeroporto e dista pochi km da Osaka.

La proposta avanzata da C.U.P.I. è quella di ospitare un seminario di incontro fra imprese italiane e giapponesi all’interno del quale il Centro per l’Unione delle Prospettive Internazionali del territorio introdurrà alcuni elementi propositivi di investimento per operatori giapponesi e viceversa prenderà in considerazione offerte utili a consolidare delle partnership verso Giappone.

L’occasione è pensata per introdurre un matching di valore che venga consolidato durante l’anno dell’Expo a Milano per cui molte associazioni di categoria giapponesi e gruppi di imprese stanno strutturando agenda di lavoro.  L’avvio di tale prospettiva a Kobe permetterebbe di consolidare anche un ritorno di accoglienza di delegazioni nel nostro territorio per l’anno seguente.

C.U.P.I. vuole inoltre coinvolgere in questo matching non solo le imprese ma anche i professionisti: designers, architetti, esperti di stile, chefs e professionisti interessati a costruire un network di relazioni ad alto valore aggiunto in diretta comunicazione con gli operatori di filiera su questo mercato.

Kobe_000

Oltre al seminario sono previsti incontri diretti di B2b all’interno delle aziende. Il servizio di gestione dell’intera pratica e di allacciamento ad operatori locali è offerto gratuitamente a tutte le imprese / professionisti aderenti C.U.P.I. (quota di tesseramento annua 300,00 euro include anche altri servizi di formazione e consulenza)

E’ previsto solo il costo di sostegno di biglietteria aerea, alloggio e condivisione spese d’esercizio della pratica. Inoltre grazie a speciali condizioni di partnership con fornitori locali sarà possibile accedere a spese di alloggio e spostamento a cifre assolutamente sostenibili.

Inoltre C.U.P.I. beneficia in questa relazione della collaborazione con EU Networking Centre in Japan, progetto di assistenza e network relazione dall’Associazione Asian Studies Group gemellata con C.U.P.I. – da tale relazione emerge la possibilità di contenere tutti i costi di interpretariato, traduzione profili aziendali e accompagnamento.

Finalità della missione è ovviamente di introduzione commerciale ma parallelamente di formazione e orientamento su quello che ad oggi rappresenta dopo Cina e US il terzo mercato più importante al mondo e per l’Italia storicamente uno dei paesi importatori più assidui nella bilancia commerciale delle esportazioni.

La proposta di partecipazione verrà introdotta in Lombardia a consorzi partners e ad associazioni di categoria; la missione è prevista per  ottobre 2014. Durante la medesima occasione verrà proposta la seconda tappa della missione che si terrà in Italia il semestre successivo.

Lodi rappresenta il primo livello di promozione e coinvolgimento e il progetto di profila di alto valore aggiunto per consolidare un contenuto vero all’agenda di attività pensate in Lodi per Expo 2015 – 

Per sottoporre la candidatura di partecipazione compilare il form sottostante, sarete contattati dal nostro staff

 

 

Annunci

Sportello ASIA di ASG e La Fattoria presentati oggi come volano per promuovere professioni e opportunità

Si è tenuta oggi la cerimonia di consegna diplomi di lingue orientali per i corsisti Asian Studies Group sede di Lodi presso l’Hotel Europa in Viale Pavia a Lodi.

L’occasione ha permesso di introdurre l’avvio dell’attività associativa del nostro C.U.P.I. sul territorio lombardo, sostanziando alcune delle maggiori novità inserite in agenda anche grazie alla collaborazione con operatori e associazioni in loco.

Si ringrazia Abramo Oppizzi e l’Associazione albergatori della Provincia di Lodi che ha ospitato l’evento e ha messo a disposizione del CUPI gli spazi aggregativi per diffondere la comunicazione ufficiale del centro.

Presenti al pomeriggio, la direzione Asian Studies Group e coordinamento CUPI,  Paolo Cacciato  insieme ai soci fondatori Diego Bruni di Bruni Costruzioni e Simone Carinelli di Carinelli e Piolini per il progetto La Fattoria: primo polo multidisciplinare che svilupperà  sul territorio opportunità di co-working dinamico  con un’attenzione specifica per aziende start up e accoglienza di operatori stranieri sul territorio all’interno degli spazi di condivisione. Un sostegno specifico verrà offerto anche attraverso soluzioni di crown funding e di cooperazioni nei servizi che verranno sostenute all’interno degli stessi operatori nella struttura.

La collaborazione con Asian Studies Group intensifica il coinvolgimento di giovani professionisti personalmente coinvolti in percorsi di studio e di networking con l’Asia orientale anche all’interno dell’agenda di attività che CUPI svilupperò negli spazi de la Fattoria in Lodi.

bruni

Così come il progetto Sportello ASIA di Asian Studies Group garantisce l’accesso a internship di valore con regolare contratto di apprendistato / stage in East Asia viceversa la sinergia con CUPI permette di accogliere giovani professionisti e universitari da Asia e da altre parti del mondo per veicolare comunicazione, apporti, know how e prospettive di cooperazione con aziende e operatori in loco, soprattutto all’interno degli spazi polivalenti di La Fattoria.

Grande soddisfazione da parte del direttivo C.U.P.I. che oltre a sottolineare energia, entusiasmo e risorse finanziarie messe assieme da comparto privato per l’avvio dell’attività associativa , rimanda la stampa e gli operatori interessati a partecipare in qualità di associati ad una prossima occasione specifica dove verrà presentato ufficialmente il direttivo e l’agenda inerente ai seguenti punti

– visione internazionale alla base di un rilancio sostenibile e funzionale del territorio.

– accoglienza operatori stranieri e del flusso turistico nella promozione del marketing del territorio attraverso calendario di eventi / percorsi che siano promossi a livello internazionale.

– formulazione dei servizi e dei contenuti funzionali alla creazione della domanda per lo sviluppo delle opportunità di rilancio del territorio e degli operatori economici

– formazione diversificata per esercenti commerciali, professionisti e società civile in grado di sostenere l’accoglienza e l’offerta dei servizi durante l’anno dell’EXPO.

– piattaforma di sviluppo delle dinamiche di internazionalizzazione per le imprese del territorio in comunicazione con Lodi Export, consorzio all’internazionalizzazione delle imprese del territorio.

– opportunità di co-working con accesso ad una rete di operatori coinvolti nel crown funding sostenibile all’interno di La Fattoria

 

Posizioni Aperte su Asia: CUPI traina promozione per professioni nel mondo

Gennaio 2014 rappresenta il mese della scoperta CUPI e l’inizio dell’avventura sulla promozione di opportunità di rilancio in dimensione internazionale di professioni, territorio, produttività.

in sintonia con la nostra mission, siamo felici di presentarvi con un costante aggiornamento quelle che sono reali opportunità che il nostro Centro offre per veicolare un approccio funzionale e di valore al mondo dei mercati internazionali.

Tutte le posizioni sono introdotte da CUPI con il sostegno di partners di settore che sostengono e fanno convergere il proprio ruolo all’interno del ns Centro

Ecco le posizioni introdotte oggi in collaborazione con Asian Studies Group Italia fra i programmi di internship offerte ai partecipanti ai corsi di cinese intensivo e aperte anche a profili introdotti a seguito di promozione del ns Centro.

Grazie alla collaborazione con Asian Studies Group , C.U.P.I. ha la possibilità di introdurre questi percorsi anche sul territorio di Lodi e di altre province lombarde dove stiamo iniziando ad operare con proposte concrete di rilancio di prospettive internazionali per professioni, carriere ed operatori economici.

cropped-ritaglio-cupi-english.pngLogoASGkanji

PRIMO SEMESTRE 2014

– Paese di riferimento: China

CHINA: –  Beijing/Shanghai/Guangzhou/Dalian/Qingdao

Selezioni aperte anche per

INDIA: New Delhi

VIETNAM: Ho Chi Minh City

– Azienda: Studio di Consulenza Internazionale con focusing su Business development e legal  operante in Asia orientale e in diversi Paesi nel mondo con molte sedi dagli anni 90.

– posizioni offerte: marketing internship

– contents of intern’s activity:  redazione di materiali pubblicitari e informativi, assistenza all’attività di promozione e PR dello Studio sulla valorizzazione di servizi e prodotti editoriali e di ricerca, coordinamento e mantenimento di una relazione di assistenza e supporto nei confronti delle società clienti, migliorare la comunicazione con i media,  analisi e archiviazione di contenuti commerciali inerenti al mercato cinese con costante aggiornamento, aggiornamenti in merito alla normativa cinese.

Profilo richiesto: preferenza a soggetti con preparazione in termini di comunicazione, PR, marketing. Gradite figure in grado di sopportare esigenze di multi task nell’ottica di osservanza di deadline operative. Conoscenza del mondo commerciale e delle relazioni in Cina è considerato essenziale così come spiccato interesse per materia legale, fiscale e commerciale in Cina.

Conoscenza di Photoshop PPT e HTML è considerato titolo di preferenza.

Skills linguistiche: inglese fluente e corretto sia in forma scritta che parlata rappresenta la lingua di lavoro per la posizione in oggetto.

Richiesta una base di mandarino scritta e orale – una conoscenza certificata della lingua cinese o referenziata anche dai programmi Asian Studies Group rappresenta un valore aggiunto nella selezione.

tempo di internship dai 3 ai 6 mesi a seconda del profilo selezionato.

Rimborso spese mensile configurato nel contratto.

La ricerca ha carattere di urgenza.

Compilate il form sottostante con descrizione del profilo accurata e recapiti e verrete ricontattati dall’Ufficio Internship nel caso in cui il profilo sia di interesse per la posizione assegnata

Verbale Assemblea Preliminare: C.U.P.I. diventa Organizzazione

Con la presente informativa rendiamo pubblico il contenuto dell’Assemblea Preliminare del Tavolo di Promozione / Protocollo per la creazione del Centro per l’Unione delle Prospettive Internazionali  – Centre for Union of International Perspectives.

L’incontro si è tenuto il 9 gennaio 2014 presso l’Hotel Napoleon in Tavazzano – Lodi dalle ore 17.30 alle ore 20.00

All’incontro hanno preso parte:

– Prof. Dr. Paolo Cacciato: Presidente Asian Studies Group Italia (Lodi Milano Roma Padova Torino Bologna), Consulente commerciale e Titolare dello Studio di Consulenza ADM-EA in Milano, docente di marketing strategy su Cina e Giappone nei Master in Internazionalizzazione di Impresa del NIBI, Nuovo Istituto di Business Internazionale di Milano, Coordinatore del centro di cooperazione internazionale EU Networking Centre di Kobe (Japan)  , ideatore – promotore del Progetto CUPI

– Dr. Paolo Caresana: Agente Reale Mutua Assicurazioni Filiale di Melegnano e Vicepresidente Lodi Export, consorzio lodigiano per l’internazionalizzazione,  socio titolare dell’azienda Nuvoline srl , sostenitore progetto CUPI

– Geom. Diego Bruni: Titolare della Ditta Bruni Costruzioni e Coordinatore del progetto multidisciplinare di rilancio territoriale denominato la Fattoria – Lodi, sostenitore progetto CUPI

– Ing. Simone Carinelli dello Studio Tecnico Associato Carinelli e Piolini di Lodi, socio coordinatore nel progetto la Fattoria – Lodi

– Arch. Luca Bucci, dello Studio Fase di Milano, socio coordinatore nel progetto la Fattoria – Lodi

– Prof. Dr. Paolo Palamiti, consigliere al Parlamento Europeo di Bruxelles e Strasburgo, coordinatore scientifico del Nuovo Istituto di Business Internazionale Milano, docente universitario e ricercatore presso Università Bicocca, Università di Sophia e Collegio di Milano, sostenitore progetto CUPI

– Carlo Oppizzi, titolare dell’albergo Napoleon, Responsabile Circuito Albergatori della Provincia di Lodi, sostenitore progetto CUPI

Partecipazioni Aggiunte: Dr. Federico Gaudenzi giornalista, Arch. Eirene Papadimitriu,  Alessandro Malacarne.

Il contenuto della serata ha segnalato da parte di operatori diversificati e attivi sul territorio la necessità di consolidare un’organizzazione autonoma focalizzata sul rilancio delle prospettive interdipendenti di comunicazione internazionale a valorizzazione del territorio e delle proprie risorse e operatori, siano queste in termini di contenuto culturale e istituzionale, produttivo, economico, commerciale e turistico.

Da tale necessità emerge un tavolo di sostegno concreto al progetto come indicato nelle partecipazioni sovra-descritte, che miri a consolidarne obiettivi e funzioni.

La finalità è quella di strutturare un hub tecnico e comunicativo in grado di concentrare un’ agenda  di operazioni concrete di respiro internazionale convogliando progetti diversificati a seconda di congiunture specifiche che ne facilitino la promozione e la veicolazione comunicativa / gestionale (esposizioni internazionali, fiere internazionali, mostre ed eventi, progetti interculturali finalizzati alla cooperazione internazionale, tavoli di ricerca, scambi accademici, delegazioni e missioni commerciali, venture capital con operatori esteri e private equity  “da e verso” mercati esteri, prospettive di crown funding o soluzioni di fund rising sostenibile con interlocutori esteri)

Il Tavolo di Promozione CUPI segnala la necessità di valorizzare sinergie fra operatori tecnici  e strutturali,  sostanziando protocolli di intesa e collaborazioni in grado di veicolare in ottica sostenibile l’erogazione di servizi fra i partecipanti nell’ottica del co-working valoriale e realizzazione condivisa di servizi funzionali a prospettive di rilancio commerciale e territoriale, in ottica indipendente e non necessariamente sottoposta ad esigenze di categoria o politico istituzionali.

All’unanimità l’Assemblea approva una dimensione di cooperazione programmatica che entrerà in essere entro 45 gg dalla data odierna attraverso la fondazione di un’ Organizzazione Ufficiale istituita nei termini di Associazione al cui direttivo verranno votate cariche funzionali e rappresentative fra i soggetti promotori.

L’organizzazione oltre all’approvazione del direttivo conferma l’istituzione di un’Assemblea dei Soci, la cui entrata è consentita a soggetti depositari di servizi e funzioni utili ai risultati preposti (per tempi di realizzazione,  sostenibilità economica, valori etici e sociali) da Statuto e da Agenda Programmatica.

All’ interno  dell’Assemblea viene sostanziato un Tavolo di Proposte, votato e mediato nelle linee di attuazione dal Consiglio Esecutivo.

Fra le questioni di principale importanza introdotte nell’agenda programmatica vi sono:

– Milano EXPO 2015 di cui CUPI valorizza già alcuni progetti di comunicazione, ricerca e intercultura che pongano la riflessione su temi ma anche su strumenti atti a valorizzare il prosieguo di dinamiche di valore fra operatori anche post EXPO.

– Promozione del progetto Fattoria 2.0 quale “eccellenza” infrastrutturale e di concetto per l’accoglienza di operatori, professioni e investimenti stranieri sul Territorio in ottica EXPO

– Sostegno all’internazionalizzazione dei servizi di accoglienza del territorio in termini comunicativi e promozionali con operatori di settore sui mercati di provenienza

– Formazione: educare il territorio in termini di plurilinguismo, visione interculturale e interesse verso le prospettive di rilancio internazionale delle risorse e operatori (formulando così un tessuto sensibile a sostenere anche prospettive di stage, internship e scambio accademico che poi il Territorio sappia valorizzare anche al proprio interno)

– Matching commerciale: strumenti di incontro concreti fra operatori esteri e imprese del territorio per una valorizzazione di export, processi di M&A e IDE

– Formazione specialistica ad imprese e operatori: introduzione di percorsi specifici di studio, analisi sistematiche con tutors e specialisti, project working e feasibility studies condotti all’interno di Master riconosciuti che offrano piattaforma di studio e di rilancio per imprese e professionisti (Cfr NIBI ed esperienza Promos)

La Cerimonia di Consolidamento dell’Esecutivo CUPI e presentazione pubblica verrà comunicata su questo portale

Per ulteriori informazioni circa la ns attività si prega di compilare il form seguente

CUPI aderisce al progetto patrocinato da Milano EXPO 2015 – Switch On Your Creativity 2013 / 2014

Cultura internazionale ed EXPO2015 due temi a lungo dibattuti nell’incontro preliminare odierno ospitato presso l’Hotel Napoleon a Lodi.

C.U.P.I. sostiene la necessità di valorizzare sul territorio opportunità di stimolo culturale che riportino al centro il confronto interculturale su temi quali: sviluppo sostenibile, energia, mercati e prospettive di dialogo diversificate per eterogeneità dei partecipanti al dialogo medesimo.

Da una consapevolezza di diversità culturale e di sistema, tracciare una prospettiva di opportunità e confronto funzionale. Con questa ambizione ecco il sostegno del nostro Centro per il progetto denominato “Switch On Your Creativity: Europa ed Asia a Dialogo, visioni creative sul tema dello sviluppo sostenibile nella Milano dell’EXPO”

Un concorso per giovani artisti organizzato da Asian Studies Group, associazione di origine lodigiana che realizza su Milano, città estremamente sensibile e che si lascia coinvolgere in un dinamismo propositivo,  una serie di occasioni sinergiche fra Enti e Imprese e Società.

Il progetto è sostenuto da Punto Enel di Via Broletto in centro a Milano dove le opere in finale verranno premiate e troveranno sede espositiva di prestigio, patrocinato da Milano EXPO 2015 che referenzia il valore del dialogo interculturale proposto sul tema in oggetto, insieme a Comune di Milano, Consolato Generale del Giappone e Consolato della Repubblica di Corea. Fra gli sponsor Japan Airlines e NIBI, Nuovo Istituto di Business Internazionale fra le referenze scientifiche.

locandina switchon jpeg 8 gen

Una commissione tecnica di giurati valuterà una selezione finale di opere di giovani artisti europei e asiatici pervenute in Asian Studies Group e il miglior artista riceverà una borsa di studio di 1000 euro quale contributo a sostegno di propri studi e attività.

Switch ON you creativity, rappresenta la prima edizione del Premio all’Internazionalità delle Culture 2013 / 2014 – un appuntamento destinato a diventare baluardo progettuale per Asian Studies Group e i collaboratori tecnici fra cui NIBI, Rainbow Communication del gruppo Luisa Rumor, agenzia di comunicazione che inaugura con questo evento la “destinazione ” tutta asiatica delle proprie attività di servizi e CUPI che da questa prima edizione raccoglie stimoli di sostanza per consolidare elementi programmatici da diffondere sul territorio.

L’evento, che verrà inaugurato nella seconda metà di febbraio con un’apertura ufficiale al pubblico che avremo il piacere di comunicare anche su questo portale, mira oltre che a valorizzare l’importanza del dialogo interculturale su temi di sostanziale importanza, anche la condivisione di elementi utili a comprendere quanto un’evento quale EXPO rappresenti in termini di opportunità nel confronto fra culture, società, sistemi di pensiero e strumenti cognitivi strettamente legati alle dinamiche economiche fra i Paesi coinvolti.

C.U.P.I. interverrà direttamente nel diffondere sul territorio lombardo occasioni di partecipazione sociale ad eventi di questo tipo, sostenendo la mobilità di progetti di questo tipo attraverso tappe funzionali  a consolidare, in tappe di promozione,  una visione comune sensibile al tema trasmesso da Milano Expo 2015 e con esso alle prospettive di sviluppo internazionale delle relazioni connesse.